sabato 20 febbraio 2021

una via per essere sani

D.: Hai detto che il mondo intero è un caos. Cosa cerchi di creare nell’uomo, nel mondo?

R.: Semplicemente affermo che esiste una via per essere sani, dico che puoi uscire da questa pazzia creata in te dal passato.

D.: In che modo?

R.: Semplicemente osservando come un testimone i tuoi processi di pensiero, questo è il mio metodo di meditazione. Non è una preghiera, perché non esiste un Dio da pregare: è semplicemente un sedersi in silenzio e osservare i pensieri che ti scorrono davanti; un semplice osservare senza interferire, senza nemmeno giudicare perché, nel momento in cui giudichi, hai perso la pura osservazione. Nel momento in cui dici: «Questo è bene, questo è male», sei già rimbalzato nel processo del pensiero.
Occorre un po’ di tempo per creare una distanza tra il testimone e la mente; una volta che questo stacco esiste, avrai una piacevole sorpresa: tu non sei la mente, sei il testimone, un osservatore. Questo processo di osservazione è la reale alchimia della vera religione poiché, via via che diventi sempre più profondamente radicato nell’osservazione, i pensieri iniziano a scomparire; e arriva un momento in cui non ci sono più pensieri. Tu esisti, ma la mente è totalmente vuota: questo è il momento dell’illuminazione. Questo è il momento in cui, per la prima volta, non sei più condizionato, sei sano: un essere umano davvero libero.


http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa

lunedì 15 febbraio 2021

PENSA CHE TUTTI I FENOMENI SIANO SOGNI.

PENSA CHE TUTTI I FENOMENI SIANO SOGNI.
Questa è una tecnica estremamente potente.
Iniziate a contemplare in questo modo: se state camminando per strada ... contemplate che le persone che passano sono tutti sogni.
I negozi e i negozianti ...
i clienti e le persone che vanno
e vengono ...
sono tutti sogni.
Le case ... gli autobus ...
il treno ... l'aereo ... sono tutti sogni.
Sarete immediatamente sorpresi da qualcosa di enorme importanza che accade dentro di voi.
Nel momento in cui pensi che
"Tutti sono sogni" improvvisamente ... come un lampo ...
una cosa entra nella tua visione:
"Anch'io sono un sogno".
Perché se il visto è un sogno ...
allora chi è questo 'io'?
Se l'oggetto è un sogno ...
allora il soggetto è anche un sogno.
Se l'oggetto è falso ...
come può il soggetto essere la verità? Impossibile.
Se guardi tutto come un sogno ... improvvisamente troverai qualcosa
che sfugge dal tuo essere:
l'idea dell'io.
Questo è l'unico modo per far cadere l'ego ... e il più semplice.
Basta provare
- meditare in questo modo.
Meditare in questo modo più e più volte ...
un giorno il miracolo accade:
si guarda dentro ...
e l'ego non si trova lì.
L'ego è un sottoprodotto ...
un sottoprodotto dell'illusione che qualsiasi cosa tu veda è vera.
Se pensi che gli oggetti siano veri ...
allora l' io può esistere;
è un sottoprodotto.
Se pensi che gli oggetti siano sogni ...
l'ego scompare.
E se pensi continuamente che tutto è un sogno ...
poi un giorno ...
in un sogno nella notte ...
rimarrai sorpreso:
improvvisamente nel sogno ti ricorderai che anche questo è un sogno!
E subito ...
man mano che il ricordo accade ...
il sogno sparirà.
E per la prima volta vi sentirete profondamente addormentati ...
ma svegli
- un'esperienza molto paradossale ...
ma di grande beneficio.
OSHO


sabato 13 febbraio 2021

Ho vissuto nella comunità di Rajneeshpuram



Ho vissuto nella comunità di Rajneeshpuram in Oregon in tre diversi periodi, complessivamente per quasi un anno, e ne ho scritto in questo e-book. Per quelli che non hanno avuto la stessa opportunità e che hanno sentito parlare di quell'esperimento solo attraverso il reportage tendenzioso di netflix, è una lettura che apre l'orizzonte del lettore che non è interessato agli scandali e ai pettegolezzi ma al significato più profondo del rapporto tra Maestro e discepolo. Qui ne offro un breve estratto:
"Una mattina al risveglio non mi sentivo più lo stesso. Qualcosa dentro di me si era aperto; un piccolo punto tra il cuore e il plesso solare era diventato attivo e mi permetteva di percepire la realtà senza filtri. Lo stesso punto si era aperto anni prima a Poona, ma oramai non ci pensavo più. Mi avviai a piedi per fare colazione insieme alla mia compagna tenendoci per mano. Mi sentivo benedetto. Le piante brillavano di vita, l'aria era luminosa e la mia consapevolezza era libera da qualunque schema. Quella terra che al mio arrivo mi era apparsa dura e ostile divenne parte di me. Non vi era traccia dei travagli trascorsi ma gratitudine e l’intima sapienza che per dare il benvenuto allo spazio interiore bisogna rimuovere ciò che lo ostacola. Questo era accaduto nei mesi precedenti ed ora era arrivato il momento di lasciarsi andare e ricevere. Non dovevo fare niente per sentirmi beato, era la mia condizione naturale. Percepivo la presenza di Osho come il più naturale dei fenomeni. Egli era lì, non ne vedevo il corpo ma ne percepivo la qualità energetica direttamente e ovunque.


http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa


Il programma neuroacustico “Hypergamma” è basato sui risultati delle ricerche neurofisiologiche condotte sui monaci tibetani, con la partecipazione di Dalai lama. Nel corso dello studio si è chiarito che le onde cerebrali dei meditatori immersi in una meditazione profonda raggiungono i picchi al di sopra di 100 Hz. Questo fatto assicura anche una accelerata sincronizzazione degli emisferi cerebrali. Lo stato caratterizzato dalle onde cerebrali così elevate è considerato prossimo all’illuminazione e alla rinascita spirituale.





martedì 9 febbraio 2021

Esperienze di un discepolo

"La meditazione dinamica si svolgeva alle 6,00. Siccome la mia capanna-abitazione distava circa un km dall'ashram, mi svegliavo alle 5,15 per essere in tempo. Era ancora abbastanza buio; in inverno l'alba sorgeva più tardi. L'aria era odorosa di India, e allo stesso tempo fresca e pungente, ma quella camminata attivava il calore corporeo.
Vi erano centinaia di persone all'appuntamento e c'era una qualità energetica di silenzio, luminosità e presenza. La hall era un vero e proprio tempio della meditazione anche se appariva semplice: circondata da un rigoglioso giardino tropicale, custodito e nutrito con amore, fungeva da riparo per molti uccelli che vi sostavano infondendo il loro canto. Vi era un senso di intimità e protezione. Ogni fibra di materia che costituiva quell'ambiente emanava un’energia di luce che nutriva il cuore."
❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️
"Dopo la dinamica era possibile fare la doccia e la colazione nel buffet vegetariano dell'ashram prima di rientrare nella hall, che nel frattempo veniva preparata per il discorso del mattino. All'uscita dalla meditazione, la coda per accedervi era già lunga.
Durante lo svolgimento del discorso, spesso non riuscivo a stare sveglio. Il contatto con la presenza di Osho all’inizio mi induceva a rilassarmi completamente, al punto che sentivo il bisogno di sdraiarmi e lasciarmi andare in una specie di dormiveglia. Da una parte mi sentivo inadeguato, ma era irresistibile. Condivisi questa perplessità con alcuni amici e con gran sollievo mi dissero che Osho aveva parlato di questo tema: diceva che il dormiveglia non rappresentava una barriera, anzi Egli poteva raggiungerci molto più facilmente perché la mente era meno attiva. Infatti non si trattava di un sonno, in quanto uno stato di presenza di sottofondo permaneva, tanto da farmi sentire quando il discorso stava per terminare; così mi sedevo in posizione eretta in tempo per salutarlo."
Tratto dall'E-book "Il Maestro - Esperienze di un discepolo -


Il programma neuroacustico “Hypergamma” è basato sui risultati delle ricerche neurofisiologiche condotte sui monaci tibetani, con la partecipazione di Dalai lama. Nel corso dello studio si è chiarito che le onde cerebrali dei meditatori immersi in una meditazione profonda raggiungono i picchi al di sopra di 100 Hz. Questo fatto assicura anche una accelerata sincronizzazione degli emisferi cerebrali. Lo stato caratterizzato dalle onde cerebrali così elevate è considerato prossimo all’illuminazione e alla rinascita spirituale.

venerdì 29 gennaio 2021

Bardo Thodol

La recita del Bardo Thodol al morente è un tentativo di fargli raggiungere l’illuminazione mentre si trova nello stato di Bardo, cioè nell’intervallo di tempo che precede una nuova rinascita.



Nella stragrande maggioranza dei casi questo scopo non viene raggiunto, ma, come effetto secondario, si può far ottenere al morente una buona rinascita, come essere umano dotato di quelle qualità intellettuali che potrebbero consentirgli di raggiungere l’illuminazione nella nuova vita.



L’insegnamento fodamentale che il Bardo Thodol da al morente è che tutte le visioni che gli appariranno sono solo proiezioni della sua mente e che quindi egli deve assolutamente evitare di esserne attirato.



E’ doveroso notare che molte di queste visioni coincidono con le descrizioni fatte dalle persone tornate in vita dopo una morte apparente.



Solo a titolo di esempio, riporto qualche brano del testo:

“Figlio di nobile famiglia, ora, la cosiddetta morte è giunta ; perciò oraassumerai l’atteggiamento dello stato di mente illuminato, di benevolenzae compassione, e realizzerai l’illuminazione perfetta per il bene ditutti gli esseri. Senza abbandonare questo atteggiamento ricorda epratica tutti gli insegnamenti ricevuti in passato. Figlio di nobilefamiglia, ascolta. La pura luminosità della dhàrmata splende ora difronte a te, riconoscila. In questo momento il tuo stato mentale è pura,naturale vacuità, non possiede natura propria, né sostanza, né qualità.La tua mente è luminosa e vacua, nella forma di una grande massa di luce,è il buddha della luce immortale. Riconoscilo.”

“Vai avanti pronunciando queste parole con chiarezza, distintamente, comprendendo il loro significato., non dimenticarle perché il punto essenziale è riconoscere con certezza tutto ciò che appare per quanto terrificante, come tua proiezione… Non avere paura, non smarrirti.
Questa è la radiosità naturale della tua dhàrmata, riconoscila.
Figlio di nobile famiglia, Se non avrai compreso questo punto essenziale non riconoscerai i suoni, la luce e i raggi e continuerai a vagare in samsara.
Svegliandoti dal tuo torpore ti chiederai che cosa ti sia accaduto :riconosci tutto ciò come stato di bardo.”
“Figlio di nobile famiglia, ora ti appariranno le quarantadue divinità sambogakaya, esse appariranno dal tuo cuore, sono le forme dure delle tue proiezioni, riconoscile.
Queste visioni non provengono da nessun luogo, sono la primordiale manifestazione spontanea della tua mente. Figlio di nobile famiglia queste immagini non sono né grandi né piccole, esse hanno proporzioni perfette. Ciascuna ha i suoi propri ornamenti, il proprio abito, colore, posizione, un trono e simboli particolari. Sono suddivise in cinque coppie, ognuna circondata da un alone di luce di cinque colori. L’intero mandala apparirà nella sua totalità, e appariranno le divinità maschili e femminili, riconoscile.”
“Figlio di nobile famiglia , si sono finora presentati sulla pericolosa strada del bardo le divinità pacifiche, non hai riconosciuto le proiezioni della tua mente, il tuo karma negativo è molto forte. Oraappariranno le cinquantotto divinità infuriate, fiammeggianti, bevitricidi sangue. Sarai sopraffatto da un’intensa paura e riconoscerle ti sarà più difficile. Ma se arrivi a riconoscerle anche un poco la liberazionesarà facile perché col sorgere di queste terribile paure la mente non ha tempo di distrarsi e si concentra a fondo.”

giovedì 21 gennaio 2021

Mai nato...mai morto..

9 Gennaio 1990
Mai nato...mai morto...ho solo visitato questo pianeta terra.
La morte è il trasferimento dell’anima da un corpo all’altro oppure, nel caso di un uomo che è totalmente consapevole, da un corpo all’intero universo. Il viaggio è grandioso ma non puoi conoscerlo dal di fuori. Dall’esterno puoi vedere solo dei sintomi, ma proprio questi hanno reso l’uomo pauroso.
Coloro che conoscono la morte dall’interno, hanno perso tutte le paure della morte.
Se comprendi, se vedi, se senti e fai esperienza di non essere separato dall’esistenza ma di essere un tutt’uno con essa, tutte le paure della morte scompariranno e non ci sarà nessuno a morire dentro di te, non c’è proprio nessuno ma è l’esistenza che vive attraverso te.
- Osho -

http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa


Il programma neuroacustico “Hypergamma” è basato sui risultati delle ricerche neurofisiologiche condotte sui monaci tibetani, con la partecipazione di Dalai lama. Nel corso dello studio si è chiarito che le onde cerebrali dei meditatori immersi in una meditazione profonda raggiungono i picchi al di sopra di 100 Hz. Questo fatto assicura anche una accelerata sincronizzazione degli emisferi cerebrali. Lo stato caratterizzato dalle onde cerebrali così elevate è considerato prossimo all’illuminazione e alla rinascita spirituale.

domenica 3 gennaio 2021

L'illuminazione di Osho


Dal libro "Una vertigine chiamata vita" - da pag. 76:
"Per quanto possa ricordare, ho sempre cercato la soglia dell'illuminazione, sin dall'infanzia. Devo aver ereditato questa idea dalla vita precedente, perché non ricordo un solo giorno, nell'infanzia di questa vita, in cui non l'abbia cercata. Naturalmente tutti pensavano che fossi matto. Non giocavo mai con nessun bambino; non ha mai trovato alcun modo di comunicare con i bambini della mia età: mi sembravano stupidi, occupati in ogni tipo di idiozia. Non ho mai fatto parte di una squadra di calcio, di pallavolo o di hockey, naturalmente, tutti pensavano che fossi matto. E, per quanto mi riguardava, man mano che cresciamo, cominciava considerare matto il mondo intero.
L'ultimo anno, avevo 21 anni, fu un periodo di crisi nervosa e di trasformazione. Naturalmente, coloro che mi amavano-la famiglia, gli amici, i professori-potevano capire ben poco di ciò che stava accadendo in me: perché ero tanto diverso dagli altri bambini, perché stavo seduto per ore e occhi chiusi, perché stavo seduto sulla riva del fiume a guardare il cielo per ore, a volte per tutta la notte!... Naturalmente, coloro che non potevano capire cosa del genere, né io mi aspettavo che le capissero, mi presero per matto. A casa ero diventato praticamente assente. A poco a poco smisero di chiedermi alcunché e, piano piano, cominciarono ad avere la sensazione che non ci fossi. Amavo il modo in cui ero diventato un nulla, un nessuno, un'assenza. Quell'anno fu terribile. Ero circondato dal nulla, dal vuoto. Avevo perso tutti i contatti con il mondo. Se qualcuno mi ricordava di fare un bagno, lo facevo per ore. Poi dovevano bussare alla porta e dirmi: "Adesso esci dal bagno. Ti sei lavato quanto basta per un mese! Esci". Se mi ricordavano di mangiare, mangiavo; altrimenti passavo giorni senza toccare cibo. Non che stessi digiunando; non pensavo minimamente a mangiare o a digiunare. La mia unica preoccupazione era di andare sempre più in profondità dentro me stesso. E la soglia era tanto magnetica, l'attrazione così forte simile a ciò che i fisici chiamano un buco nero. (...)
Da pag. 84:
"Mi ricordo quel giorno fatidico... Ho cercato per molte vite, ho lavorato su di me, ho lottato, ho fatto tutto quanto era possibile e non è mai successo nulla. Ora capisco perché non accadeva nulla: lo sforzo era l'ostacolo, la sete di ricerca era l'ostacolo. È vero che non ci si può realizzare senza cercare, la ricerca è necessaria; ma arriva un momento in cui la ricerca deve essere lasciata cadere. La barca necessarie per attraversare il fiume, ma poi arriva un momento in cui devi scenderne, dimenticartene, lasciarti alle spalle quella barca. Lo sforzo è necessario: senza sforzo nulla è possibile, e allo stesso tempo, con uno sforzo non s'ottiene nulla. Esattamente sette giorni prima del 21 marzo 1953, smisi di lavorare su di me: arriva un momento in cui si vede la totale inutilità dello sforzo. Hai fatto tutto quello che potevi fare, e non è successo nulla. Hai fatto quanto è umanamente possibile, che cos'altro potresti fare? La speranza viene meno e si abbandona ogni ricerca: il giorno in cui misi di cercare, il giorno in cui non aspettai più l'accadere di qualcosa, qualcosa iniziò ad accadere. (...) il giorno in cui smisi di sforzarmi, anch'io mi fermai: infatti, non si può esistere senza sforzo, né si può esistere senza desiderio o senza lotta. Il fenomeno del'ego, del sé, non è un oggetto, bensì un processo. Non è la sostanza che si trova dentro di te: la devi generare in ogni istante. E' simile all'azione del pedalare: se pedali, la bicicletta continua ad andare; se non lo fai, si ferma. Potrebbe proseguire per un po', a causa della forza d'inerzia, ma quando smetti di pedalare, di fatto la bicicletta inizia a fermarsi: non ha più energia, non ha più la forza di andare oltre. È inevitabile che si fermi e cada a terra. L'ego esiste perché noi continuiamo a pedalare sul desiderio, perché continuiamo a lottare per ottenere qualcosa, perché continuiamo a proiettarci in avanti. Il fenomeno del'ego è proprio questo: proiettarsi in avanti, nel futuro, oppure nel passato. Proiettarsi in ciò che non esiste, crea l'ego. E poiché questo fenomeno scaturisce da qualcosa che non è esistenziale, è simile a un miraggio. E' formato unicamente da desideri; è soltanto una sete e null'altro. L'ego non è nel presente, e nel futuro. Se vivi nel futuro, l'ego sembra estremamente concreto. Se sei nel presente, l'ego è un miraggio... Inizia scomparire.(...) Ero in uno stato catatonico: verso le otto andai a dormire. (..) Fu un sonno stranissimo, il corpo era addormentato, io ero sveglio. verso mezzanotte gli occhi si aprirono all'improvviso. Non li aprii io, il sonno fu rotto da qualcos'altro. Intorno a me, nella stanza, sentii una presenza imponente. La stanza era piccolissima. Sentii tutt'intorno a me una pulsazione di vita, una vibrazione assordante, simile all'uragano: una tempesta incredibile di luce, gioia ed estasi. Ero sommerso: era tanto reale che ogni altra cosa divenne irreale. I muri della stanza divennero irreali, la casa divenne irreale, il mio stesso corpo divenne irreale. Ogni cosa era irreale perché ora, per la prima volta, la realtà era presente. (...) quella notte un'altra realtà aprì la sua porta, un'altra dimensione divenne disponibile. All'improvviso era presente, quella realtà "altra", una realtà separata: la realtà vera, o in qualsiasi modo tu voglia chiamarla. Chiamala Dio, verità, Dhamma, Tao, o come meglio preferisci. Era senza nome. Ma era presente,così opaca, così trasparente, e tuttavia tanto evidente che chiunque avrebbe potuto toccarla. Nella stanza mi stava soffocando: era troppo intensa e io ero incapace di assorbirla. Sorse in me il bisogno spasmodico di precipitarmi fuori da quella stanza, uscire sotto il cielo. Se fossi rimastopochi minuti ancora, sarei soffocato. Così mi sembrava. Corsi fuori, uscii all'aperto. Sentivo la necessità di essere semplicemente sotto il cielo, con le stelle, con gli alberi, con la terra, essere con la natura. (...) mi incamminai verso il giardino più vicino. Era una camminata totalmente diversa, come se la forza di gravità fosse scomparsa. Camminavo, o correvo, o semplicemente volavo; Era difficile decidere. La gravità era assente. Mi sentivo senza peso, come se una forza mi trasportasse: ero nelle mani di un'altra energia. Per la prima volta non ero solo, per la prima volta non ero più in individuo, per la prima volta la goccia era caduta nell'oceano; ora l'intero oceano era mio, io ero l'oceano. Non c'erano più limiti. Un potere tremendo sorse dentro di me, come se avessi potuto fare qualsiasi cosa, in qualunque situazione... Io non ero presente, esisteva solo quel potere. (...) ero rilassato, mi lasciavo andare. Non ero presente. Lui era lì-chiamatelo Dio-Dio era presente. Preferirei chiamarlo Lui, perché Dio è una parola troppo umana, ed è stata logorata dall'abuso, troppe persone l'hanno inquinata: cristiani, indù, musulmani, preti e politici, tutti hanno fatto di tutto per corrompere la bellezza di questa parola, perciò lasciate che lo chiami Lui. Lui era presente, e io ero semplicemente trasportato.. trasportato da un'onda. Quando entrai nel parco, ogni cosa divenne luminosa. Ovunque era benedizione, beatitudine. Per la prima volta potei vedere gli alberi.. il loro verde, la loro vita, la loro linfa scorrere. (...) Quando tornai a casa, erano le quattro del mattino, per cui, secondo l'orologio, era rimasto là perlomeno tre ore; ma fu un'infinità. Non aveva nulla a che vedere con l'orologio, era senza tempo. Quelle tre ore divennero un'eternità, senza fine. Non c'era tempo, non esisteva lo scorrere del tempo. Era la realtà vergine, incorrotta, intatta, incommensurabile."
http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa
Una Vertigine Chiamata Vita
Autobiografia di un mistico spiritualmente scorretto
€ 10,50

giovedì 24 dicembre 2020

SCONTI

http://it.advanced-mind-institute.org/?affiliate=TRKCASWQK8H Grande occasione per farti la tua farmacia NEUROACUSTICA con prodotti che non scadono mai, a disposizione per tutta la vita, tutti i programmi con lo sconto del 25% , programmi consigliati:
Il programma neuroacustico “Hypergamma” è basato sui risultati delle ricerche neurofisiologiche condotte sui monaci tibetani, con la partecipazione di Dalai lama. Nel corso dello studio si è chiarito che le onde cerebrali dei meditatori immersi in una meditazione profonda raggiungono i picchi al di sopra di 100 Hz. Questo fatto assicura anche una accelerata sincronizzazione degli emisferi cerebrali. Lo stato caratterizzato dalle onde cerebrali così elevate è considerato prossimo all’illuminazione e alla rinascita spirituale.