martedì 22 maggio 2018

NEUROACUSTICA PER IL CUORE INFRANTO

Aiuterà a calmarsi e a lenire le ferite psicologiche. Può anche aiutare a sbloccare l'energia del cuore.

E' possibile ascoltarla sia con le cuffie sia senza le cuffie. Immaginate un fiore di loro aprirsi nel vostro cuore, mentre il cuore stesso si riempie di un bel colore verde.

Dimenticate, per questo momento, i brutti pensieri... sentite il vostro cuore vibrare all'unisono con il ritmo della meditazione.-


https://www.youtube.com/watch?v=N8qlo27rTO0&t=2s




Advanced MInd

http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa



L’essere umano è come una carrozza trainata da cavalli

L’essere umano è come una carrozza trainata da cavalli:
il corpo è il veicolo;
le emozioni sono i cavalli; la mente è il cocchiere; il passeggero all’interno, il vero padrone, sei tu.
Gurdjieff usava questa metafora per cercare di spiegare alle persone come l’individuo umano vive addormentato al suo stesso interno.
Il suo insegnamento combinò sufismo ed altre tradizioni in un ottimo sistema di risveglio, attraverso il quale è possibile superare gli automatismi e i condizionamenti che dominano l’uomo.
Gurdjieff codificò ed elaborò dei movimenti (danze sacre) legati alla tradizione Sufì, riprese anche da Osho in una delle sue straordinarie meditazioni dinamiche.
Tornando alla metafora: la carrozza è il corpo fisico, all’interno del quale “dorme” il nostro Io superiore, quello che solitamente chiamiamo l’Osservatore; il corpo-carrozza è trainata da cavalli che rappresentano le nostre emozioni; alla guida c’è la mente, quella ordinaria e condizionata: il cocchiere.
Il cocchiere è una persona inaffidabile, un nevrotico dalla personalità multipla, e cosa peggiore di tutte, è convinto di essere il padrone.
Sappiamo che la mente (ordinaria) è un ottimo servitore ma un pessimo padrone.
La meditazione non è quello che fai quando sei seduto, è ciò che sei …
Maestro Zen

http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa

lunedì 14 maggio 2018

AFFRONTA LE TUE PAURE

























Affronta la tua paura piu' grande
dopo di che
ne sarai libero



http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa

Il denaro nel percorso spirituale

Il denaro è il compenso che riceviamo per aver fatto qualcosa per il mondo. Non dobbiamo infatti concentrarci sullo sforzo per ottenere denaro, ma dobbiamo rispondere alla domanda: «Qual è l’attività che più mi piace svolgere e che posso offrire come mio dono per il mondo?».Il mondo ha bisogno che tu diventi una persona di successo ed è un tuo dovere rispondere a questa chiamata.


Il denaro di per sé non ci farà diventare grandi, ma è il mezzo che possiamo utilizzare per compiere cose grandi. Per fare questo dobbiamo però risolvere un paio di meccanismi che si trovano radicati nel nostro inconscio:


1) L’avidità di denaro, che ci fa credere di aver bisogno di cifre sempre più consistenti, perché la famosa “sicurezza economica” è come la linea dell’orizzonte nel deserto: una linea immaginaria, impossibile da raggiungere all’esterno di sé. L’avidità deriva dalla paura di morire.
2) Il senso di colpa riguardo al denaro, quello che ci fa pensare: il denaro è la radice di tutti i mali, il denaro è il demonio, il denaro è responsabile delle guerre, il denaro rende disonesto chi lo possiede, non si può diventare ricchi e rimanere puri e piacere a Dio. Questo meccanismo INCONSCIO fa sì che colleghiamo ogni guadagno che vada oltre la mera sopravvivenza, all’azione del male dentro di noi.


Io qualche vero ricco in passato l'ho conosciuto (di quelli che entrano da Louis Vuitton e comprano un intero scaffale) e vi posso assicurare che non sono avidi di denaro. Lo usano, lo apprezzano, lo sfruttano, ma non ne sono avidi, perché non vivono nella paura. E sono così non perché appartengono a un’altra specie, ma perché sono stati educati fin da piccoli a concepire in questo modo il denaro. Non sono stati educati né alla paura di rimanerne senza, né al senso di colpa per averlo. E quei pochi – meno di quel che pensate – che si sono arricchiti pur essendo avidi... prima o poi perderanno ciò che hanno… e nel frattempo saranno vissuti nella paura di perderlo. Se insieme alla ricchezza non c’è anche serenità interiore non si può parlare di vero benessere, altrimenti potremmo prendere come esempi anche i boss mafiosi, ma credo che nessuno di voi si sentirebbe felice nel condurre quel tipo di vita.

Noi vogliamo amare il denaro come si ama – o si dovrebbe amare – il proprio partner: con gioia, con ammirazione, con trasporto... ma senza attaccamento, senza possesso, senza paura di poter perdere l’oggetto del nostro amore. Questo è un amore che rende libere entrambe le parti e fa sì che continuino ad attrarsi.


Esiste un approccio “verticale” al denaro, che va oltre le comuni concezioni:
1) Il denaro può essere amato, ma non posseduto;
2) Il denaro non va combattuto, né bisogna combattere per esso;
3) Il denaro va rispettato, ma non idolatrato;

4) Il denaro serve per migliorare il mondo;
5) Del denaro si può disporne a piacimento pur senza sentirlo proprio;
6) Il denaro serve a realizzare obiettivi, ma non è l’obiettivo;
7) Il denaro diviene veramente nostro solo quando non ne sentiamo più il bisogno.


In un mondo che ha una disperata necessità d’aiuto non possiamo limitarci a guadagnare i soldi che ci servono per arrivare a fine mese e permetterci una vacanza all’anno. Questo è il vero egoismo. Questo significa pensare unicamente a se stessi e alla propria famiglia, utilizzando come scusa la povertà e il desiderio di rimanere onesti. Più soldi significherebbe anche più responsabilità nei confronti del mondo, e in fondo poche persone vogliono portare questo fardello.


Non costruite pozzi in Africa perché siete poveri o siete poveri perché non usereste mai i soldi per costruire pozzi in Africa? Non avete grandi obiettivi perché siete poveri oppure siete poveri perché non avete grandi obiettivi?


Nelle scuole del futuro insegneranno che il denaro deriva dall’amore per la propria missione di vita. Il denaro verrà considerato uno strumento spirituale, attraverso il quale ogni persona potrà misurare se stessa, ossia il suo rapporto profondo con la paura e con il senso di colpa. Analizzando il loro rapporto con il denaro le persone saranno in grado di portare alla luce ciò che si nasconde nel loro inconscio. Il denaro, infatti, non mente mai.


Non il desiderio di fare soldi, bensì una visione straordinaria guiderà i nostri figli... che saranno i ricchi del futuro, non grazie, ma nonostante i loro genitori. Il denaro servirà a convogliare la luce dell’anima all’interno della materia, permettendole di manifestarsi appieno attraverso il compimento d’una particolare missione.


Come gli abusi fisici si trasmettono da una generazione all’altra a causa dell’esempio del genitore che viene registrato nei muscoli e nelle ossa del bambino – il bambino abusato diventa infatti spesso a sua volta un abusatore – allo stesso modo, il rapporto disfunzionale che i genitori hanno con il denaro viene registrato e tramandato ai figli. Un appello ai genitori: non crescete i nuovi poveri che poi verranno consolati da papa Francesco, piuttosto crescete i nuovi ricchi che con la loro influenza cambieranno anche la politica e aiuteranno il mondo a crescere.


Correggere il proprio atteggiamento nei confronti del denaro contribuirà a sistemare quasi ogni aspetto della vita.
Billy Graham (1918-2018, famoso predicatore americano e consigliere spirituale per 12presidenti degli Stati Uniti, da Harry S. Truman a Barack Obama)

Salvatore Brizzi
[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]




http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa