sabato 4 luglio 2015

DIMENTICA...


"E poi, lentamente...molto lentamente...dimentichi le persone...anche quelle che sembravano indelebili...!...Sbiadiscono a poco a poco...!...Dimentichi...li dimentichi tutti quanti...persino quelli che dicevi di amare...anche quelli che amavi veramente...!...Sono gli ultimi a scomparire...!...E una volta che hai scordato abbastanza...puoi amare qualcun altro..."

(Gabrielle Zevin)

http://divinetools-raja.blogspot.it/
La Via del Ritorno... a Casa

Krishnamurti's Notebook

Se, nel mio piccolo, ho cercato di essere un poeta del silenzio
J.Krishnamurti è Il silenzio stesso incarnato fattosi poesia.

A chi ama il silenzio e la sua immensità
consiglio molto caldamente il diario di Krishnamurti
tenuto dal giugno 1961 al gennaio 1962,
pochi hanno raggiunto queste profondità veicolandole in parole.


"gli occhi devono oltre, penetrando profondamente e ampiamente,
senza scegliere, senza rifugio; devono vagabondare al di là
delle frontiere di idee e valori fatte dall'uomo
e sentire al di là dell'amore.
Allora c'è una benedizione che nessun dio può dare".

"Mi sono svegliato piuttosto presto con una sensazione di una mente
che era penetrata a profondità sconosciute.
Era come se la mente stessa stesse andando in se stessa,
profondamente e ampiamente,
e il viaggio sembrava essere senza movimento.
C'era un'esperienza di immensità nell'abbondanza
e una ricchezza che era incorruttibile.
E anche se ogni esperienza, ogni stato, è diverso,
tuttavia è lo stesso movimento che anche se sembra cambiare
è tuttavia perfettamente immobile."

"Mentre stavamo parlando, per nessuna ragione,
da qualche profondità inavvicinabile all'improvviso
si sentiva questa immensa fiamma di potere,
distruttiva nella sua creazione. Era il potere che esisteva
prima che tutte le cose venissero in essere;
era inavvicinabile proprio per la sua forza.
Non esisteva nulla se non una cosa:
Immensità e timore reverenziale".

Tradotto dal Krishnamurti's Notebook

Emanuele Marifa De Benedetti
http://divinetools-raja.blogspot.it/
La Via del Ritorno... a Casa

venerdì 3 luglio 2015

L’illuminazione è un processo distruttivo.

Non fatevi illusioni! L’illuminazione è un processo distruttivo. Non ha niente a che fare con il divenire migliori o l’essere più felici. L’illuminazione è il decadere di tutto quello che non è vero. E’ vedere attraverso la facciata della finzione. E’ il totale sradicamento di tutto quello che abbiamo immaginato essere vero.

(Adyashanti)

http://divinetools-raja.blogspot.it/
La Via del Ritorno... a Casa

giovedì 2 luglio 2015

VOGLIO VEDERTI DANZARE AL SUONO DI TAMBURI BRASILIANI




http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

IL CANTO DELLA MEDITAZIONE..

Felicità.Beatitudine.Gioia.
Ecco cosa stai cercando.
L'hai cercata per millenni e non l'hai ancora trovata.
E' il momento,il momento giusto,per ripensarci, per meditare di nuovo.
Hai continuato a cercare,a sforzarti così intensamente,forse ti stai perdendo proprio a causa di questo sforzo?
E' forse questo cercare che ti allontana dalla felicità?
Pensiamoci di nuovo,riflettiamoci sopra.
Fai una piccola pausa nella tua ricerca,fai un Riepilogo.
... Nessuno l'ha mai trovata cercandola.
C'è qualcosa di sbagliato nella ricerca stessa.
Mentre cerchi,naturalmente ti dimentichi di te stesso;cominci a guardare dappertutto,in qualunque altro posto ...
E la ricerca diventa sempre più disperata,poichè cerchi sempre più intensamente e non trovi nulla,sarai preso da un'ansia spasmodica:"Ce la farò,questa volta,o mi sfuggirà di nuovo?".

La felicità è la funzione della tua Consapevolezza quando è Risvegliata. 
L'infelicità è la funzione della tua consapevolezza quando è addormentata.

La meditazione non è altro che l'arte di aprire gli occhi.
L'arte di pulire i tuoi occhi,l'arte di eliminare la polvere che si è accumulata sullo specchio della tua consapevolezza.
E' naturale che la polvere si accumuli.
L'uomo ha continuato a viaggiare per migliaia di vite,e la polvere si è accumulata.
Noi siamo tutti viaggiatori,molta polvere si è accumulata,così tanta che lo specchio è completamente scomparso.
C'è solo polvere su polvere,strati e strati di polvere,e tu non riesci a vedere lo specchio.
Ma lo specchio è ancora lì,non lo si può perdere,poichè è la tua vera natura.
Se si potesse perdere non sarebbe la tua natura.
Non è che tu hai uno specchio,tu sei lo specchio.
Il viaggiatore è lo specchio,non può perderlo,può solo dimenticarlo.
Al massimo,si tratta di una dimenticanza.

OSHO

Pietra Aurapedra Caramola
http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

Quindi stai sereno...

















"Questo" è tutto ciò che c'è.
E tutto ciò che c'è è Nulla; divino Nulla che sembra manifestarsi e accadere.
O è visto (da nessuno), o non è visto.
O c'è questo "Vedere", o non c'è.
Non cambia niente.
In entrambi gli apparenti casi, c'è solo "Questo"... l'indefinibile Pre-esistente.
L' "io-mente" può solo mentire... perchè è falso (pur essendone, come tutto, espressione).
La mente non potrà mai e poi mai arrivare a questo inqualificabile ed immobile Nulla.


La mente può solo fingere di voler cadere in quel buio, di voler quietarsi e scendere dal trono.
Ciò che fa è autoperpetuarsi ingannando l'apparente "me-persona" che essa stessa erige, vezzeggia e abbaglia: è una "sua" creatura; mai la lascerà andare.
Ciò che apparentemente "fa"...è "fare"... a qualsiasi livello (meditativo, emozionale, pratico). 

Persino il "non-fare" è un proposito mentale del "fare".
E fino a quando c'è il "fare" c'è anche "qualcuno" che "fa".
E fino a quando c'è un "qualcuno" che "fa", c'è un processo nel tempo, un'apparente "storia" ed un'apparente "esperienza".
E "Questo", invece, non a niente a che vedere con il "fare" o con "qualcuno".
Non è nel "tempo" o nella "storia".
Non ha "esperienza" né è un' "esperienza".
Non ha nulla a che spartire con queste illusioni.

Quindi stai sereno... chiunque "tu" (non)sia:
O sorge resa e "tu" cadi, o continui a ballare lo spettacolo divino del "due"...del 'soggetto-oggetto'.
Non puoi farci assolutamente nulla.
In ogni caso tutto è perfetto perchè c'è solo "Questo"...
E nessuno, nessuno che possa averlo.


Potentior Oranta
http://divinetools-raja.blogspot.it/
La Via del Ritorno... a Casa

lunedì 29 giugno 2015

13 ATTEGGIAMENTI DA ABBANDONARE

LA VITA E' UNICA, E' QUI ED ORA. PER CUI:


1. Liberatevi dalla necessità di avere sempre ragione. Non ne vale la pena (potreste rompere un buon rapporto, creare stress e arrecare dolore agli altri).

2. Abbandonate il bisogno di controllare tutto ciò che vi sta succedendo (situazioni, eventi, persone). Siano così come sono.

3. Non incolpate gli altri per ciò che avete o non avete nella vita; siate totalmente responsabili della vostra vita.

4. Interrompete il dialogo negativo con voi stessi. Non permettete alle emozioni negative di governare la vostra vita.

5. Liberatevi dalla necessità di lamentarvi delle persone, situazioni, avvenimenti che vi rendono infelici.

6.Rinunciate alla critica delle persone diverse da voi e degli avvenimenti che non corrispondono alle vostre aspettative. Siamo tutti diversi…

7. Liberatevi dalla necessità di fare colpo sugli altri. Gettate la maschera, accettate ed amate il vostro vero Io.

8. Smettete di resistere ai cambiamenti. I cambiamenti ci aiutano a cambiare la vita nostra e degli altri (spesso in meglio).

9. Non giudicate le persone o le situazioni che non conoscete o non capite. Aprite la vostra coscienza alle novità.

10. Lasciate andare il passato.

11. Liberatevi dalle paure; le paure sono illusioni create dalla vostra mente.

12. Non giustificatevi;le giustificazioni sono limitanti.

13. Smettete di vivere in funzione delle aspettative degli altri. Troppa gente vive la vita che non gli appartiene, facendo ciò che si aspettano da loro: i genitori, gli amici, gli insegnanti, il governo, la società...

— con Amleto Melato.


Olga Samerina RESR

http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

sabato 27 giugno 2015

IL DIO SOLE

TRA IL SOLE E L'ORGANISMO UMANO C'E' LO STESSO COLLEGAMENTO CHE ESISTE TRA DIO E L'ANIMA UMANA di Peter Deunov

Senza questo collegamento, non è possibile lo sviluppo umano. Il SOLE è la fonte dell'energia vitale per l'intero Sistema Solare. I primi raggi del sole all'alba, sono i più potenti. Questo è anche il momento in cui l'organismo umano è più ricettivo verso... l'energia del sole. Bisogna ricevere e processare ciò che il Sole dona. Gli esseri umani assorbono energia solare per il loro cervello, polmoni stomaco e corpo. C'è intelligenza in quella energia. Salutare il sorgere del sole significa coscientemente diventare uno con lui, perchè la sua energia possa fluire nel nostro organismo. Tanto più assorbite energia solare, tanto più acquisite magnetismo e dolcezza. Salutando la luce con amore, ne traete benefici.


Dall’album: PETER DEUNOV

http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa