martedì 25 novembre 2014

STO STRAORDINARIAMENTE MALE MA E' NORMALE...

Ho voluto un po’ sistematizzare le fasi che una persona affronta nel momento in cui viene lasciata, averne consapevolezza, riconoscerle, può aiutare a far rientrare nella “normalità” un momento vissuto come insormontabilmente tragico. Un po’ della serie “sto straordinariamente male ma è normale”.


(Cit Morelli: “Ricercare le cause dell'abbandono cronicizza la sofferenza”)
La prima fase che si affronta è quella dei perché, domanda sbagliata a cui si vuol dare una risposta giusta: non la si troverà mai… Motivo per cui non ha troppo senso continuare a farsela anche perché per certi aspetti è un modo per controllare ed evitare qualcosa di più importante, ossia che si sta soffrendo e anche se difficile è consigliabile non evitare di sentire la sofferenza. Nella nostra società è molto diffusa questa pratica, ossia la paura di soffrire è sempre presente nella mente di colui che ha preso una delusione amorosa e questo si traduce nella: paura di restare da soli, paura di non trovare più un’altra persona adatta a sé, paura di non innamorarci più, paura di non poter essere più felici. L’azione da intraprendere per far fronte a questa prima fase è: accettare la sofferenze, non averne paura in quanto è la diretta e naturale conseguenza di un cambiamento di status. La persona, la mente, il cervello e il corpo devono ritrovare un altro equilibrio e come la maggior parte dei cambiamenti, comporta una porzione di difficoltà per ritrovare il nuovo assetto. La vita è fatta di gioie e dolori e questi ultimi ne fanno parte esattamente come le altre emozioni, anzi non ci sarebbe amore appassionato senza un potenziale dolore per la perdita dello stesso. La gioia è tale se si erge da uno sfondo di dolore un po’ come dire che nella gioia c’è un quantitativo potenziale di dolore e viceversa. (Ecco perché i monaci buddhisti predicano l’astensione dal desiderio: perché se c’è gioia allora ci può essere anche dolore… e solo con l’accettazione di questa condizione si può vivere con serenità la convivenza di questi due elementi fondamentali dell’esistere).

Nella seconda fase spesso avviene una idealizzazione del partner e del sentimento che si provava per lo stesso. Questo oltre a farci crogiolare in un pentolone di sofferenze ha come diretta conseguenza una più subdola reazione tale per cui si iniziano a provare sentimenti di autosvalutazione. Ecco questi sono FORTEMENTE DA EVITARE !!! A volte non ce ne si accorge ma gira che ti rigira si finisce proprio lì: “ma cosa avevo di sbagliato, perché mi abbia lasciato?”. VADE RETRO SATANA…

A tutto ciò ci sono delle good practice da mettere in campo.

1 Accettare la sofferenza come un fenomeno portatore di cambiamento. Non accettare che qualcuno abbia deciso di non stare più con voi altro non farà che farvi stare male più a lungo mentre compito vostro è assecondare la vita e le occasioni di cambiamento.
2 Impiegare il tempo a svolgere molte attività riguardanti il sé, insomma tornate a coltivarvi a tempo pieno
3 Vivere il qui ed ora: se c’è sofferenza vivetela ma non state mentalmente nel passato, anche oggi che siete tristi qualcosa vi può far ridere ORA!!! A volte la vita ha una tempestività straordinaria e pensate bene alla vostra esperienza e potrete trovare almeno un esempio in cui dopo una forte delusione ecco che subito è seguita una grossa gioia. Perché succeda questo però dovete essere aperti al nuovo, se no….. ciccia……altro tempo a star male….
4 Evitare ogni processo di idealizzazione
5 A meno che non ci si veda per parlare di un possibile ritorno alla coppia e/o per risolvere dei problemi evitate i contatti. Questi altro non fanno che creare piccoli precedenti, false aspettative e pasticciamenti vari. Ci verrà in mente che però è tanto che non sentite la cugina dello zio della persona amata ma molto probabilmente è un escamotage mentale che simbolicamente vi fa sentire più vicino alla persona cercata…
Insomma a volte la mente ci tira dei brutti scherzi.

(cit Morelli: “quando le storie finiscono viviamo un’esperienza fondamentale: scopriamo che dobbiamo fare i conti con noi stessi”)
Buona vita e buona fortuna
Edoardo Savoldi
www.edoardosavoldi.it

... prima o poi dovra' accadere non riuscirai a scappare per sempre...
... da una storia all'altra per non affrontare il  dolore legato all'abbandono.
Tra una relazione e l'altra c'è bisogno di un periodo di pausa  per la rielaborazione del tutto, superato il periodo critico quando la solitudine non fa piu' paura, potrai ricominciare una nuova relazione.
Quando è il momento di fare i conti con sè stessi accetta la sfida e affronta, se fuggi da te stesso
dovrai fare i conti con l'accumulo di tutto cio' che non hai affrontato, tutti gli abbandoni e i dolori accumulati diventeranno un mostro a cui sara' difficile far fronte

Antar Raja

http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

domenica 23 novembre 2014

SEGNALI DI LUCE


Niente più è Giusto o Sbagliato

Saluti, carissimi, sono il Custode del Tempo

Aggrapparsi alle vecchie pagliuzze

Voi siete ad un bivio critico del tempo e dello spazio sul pianeta Terra. Vi sietespostati molto chiaramente da una dimensione all'altra passando, nel farlo, attraverso realtà interdimensionali, ed ora vi state aggrappando alle vecchie pagliuzze. Questa in realtà è una cosa normalissima per il progresso dell'umanità - almeno nei modi in cui l’avete fatto in precedenza. Desideriamo parlare di questo oggi e condividere con voi quello che sta succedendo nel vostro mondo. Sì, viabbiamo già detto che molta energia viene raccolta dal pianeta; le placche tettoniche si stanno muovendo in modo tale che ci sono pressione e tensioneconsiderevoli sul pianeta stesso. In precedenza, nelle esistenze inferiori della vibrazione inferiore, questo non era un problema. Molto semplicemente, primanon lo percepivate nel modo in cui tutti voi lo percepite adesso. State tuttiiniziando a sentire questa connessione ad un livello molto, molto profondo e moltistanno reagendo in modo esagerato per disperazione. Si ha la sensazione che senon si afferra questo proprio adesso, si perderà l'occasione. Carissimi, diciamo a voi – intendiamo il vasto voi – che ci sono quelli che si definiscono Operatori di Luce, perché voi siete i maestri della luce. Sì, siete quelli che hanno scelto diessere qui in questo momento per fare un’enorme differenza su questo pianeta.Pertanto condivideremo alcune delle semplicissime idee e strumenti che potete usare per aiutare tutta l'umanità a fare questo passo verso il prossimo livello, dove potete ancorare tutta la vostra energia saldamente ed agevolmente.

Azione e Reazione

Tutto ciò che dovete fare, carissimi, è osservarci e vedere com'è dalla nostra parte del velo. Se parliamo dell’umanità non usiamo le parole giusto o sbagliato, buono o cattivo, né amore o paura. La realtà è che questi non esistono e come voi si sonospostati in questa vibrazione più elevata. Vi siete disperatamente aggrappatiall'energia di queste vecchie idee per cercare di sentirvi a vostro agio, soprattutto nel sentire l'energia di Madre Terra. Molti di coloro che si sono sentiti oppressi, o come se non avessero avuto voce, si aggrappano e fanno un passo indietro nell'evoluzione per cercare di trovare una qualche forma di familiarità e benesserelì. Pertanto, carissimi, ci sono alcuni di voi che hanno guardato da entrambe le parti. Sfidiamo tutti voi a fare questo adesso. Quando riuscite a guardare qualcosaattraverso i nostri occhi, vedete il non-giudizio. Il giudizio non funziona perché non c'è né giusto né sbagliato. C'è soltanto un'azione ed una reazione, che è ciò chesta avvenendo sulla Terra ancora ed ancora. Tuttavia, è arrivato ad un tale statoelevato che tutti voi potete trovare una risposta per questo. Che cosa ci vuole? Ci vuole un cessate il fuoco, una rinegoziazione, o che i vostri governi si facciano coinvolgere? Tutte queste cose sono possibili, carissimi, ma ognuno di voi puòfare la differenza nel proprio cuore con l'energia che portate in questo momento.Questo è il motivo per cui molti di voi sono venuti ed è il prossimo passo evolutivo dell'umanità. In realtà, si tratta di un'opportunità affinché la luce risplenda in aree che sono state buie per eoni, per molto più tempo di quanto pensate. Sì, molto di questo si sta manifestando dai tempi passati. Molte delle vostre grandi guerre sul pianeta Terra sono semplicemente ripetizioni di altre cose che avete sperimentato nella vostra storia e questo non fa eccezione. Tuttavia, in realtà vi sta portando in un’area problematica e adesso è il momento per tutti voidi aprirvi ed agire.

Praticate la Compassione

Come si fa? Bene, carissimi, avete un nervo che scende ai lati del collo es’intreccia attraverso cinque dei vostri sette chakra. Si chiama nervo vago e puòessere allenato. Perché dovreste farlo? Beh, questo è in realtà il nervo che portaalla longevità sul pianeta Terra, perciò se lo allenate questo sarà di beneficio per ogni singola persona. Come si allena il nervo vago? E’ molto semplice ... si praticala compassione. Il nervo vago fa parte di voi; fa parte della vostra struttura fisicache vi permette di vedere la compassione sul vostro pianeta. Quando vedetesuccedere qualcosa che sembra una situazione orribile, la prima cosa che tutti voi fate è puntare il dito. Cercate di capire da quale parte stare, che cosa è successo e di chi è la colpa. E se tutti voi vi prendeste una piccola parte di quella colpa, la responsabilità di vedere le cose in modo diverso, e magari vedere anche le energieche hanno portato a questo? Nessuno di voi ha torto; nessuno di voi ha ragione.State tutti sperimentando la fusione dell’umanità.

Vedere un altro Essere come parte di voi

Vi trovate in ​​una massa critica. Semplicemente non ci sono due modi al riguardo, carissimi. L'umanità si è evoluta così rapidamente nel corso degli ultimi quattro anni e mezzo ed è stato incredibile. Quando siete passati attraverso il portale del12-12-12 ed avete ripristinato tutte le vostre energie sul pianeta Terra, avete deciso di entrare nella nuova era dell'umanità. Durante questa Era di Empowerment avete raggiunto questi livelli. Tutt'a un tratto, non potete più procedere ulteriormentefino a quando non risolvete alcuni dei semplicissimi problemi al cuore delle differenze che si sono manifestare sul vostro pianeta, più e più e più volte. Sono questi i tempi di Atlantide e Lemuria? Sì, carissimi, ma va ancora più indietro di questo e persino più indietro di quanto la maggior parte di voi potrebbe capire.Dovevate fingere di essere separati per poter partecipare a questo gioco di essere umani, che vi ha dato la dualità o gli opposti. Quando guardate un altro essere, lo vedete come separato da voi e non come una parte di voi, e questo deve cambiare.E’ la parte che tutti voi potete cambiare. Sapete, molti di voi sono addiritturacresciuti con le religioni che predicano che i buoni andranno in paradiso mentre icattivi andranno all'inferno. Ci dispiace deludervi, carissimi, ma non c'è nessun inferno e non c'è mai stato. E’ stata un'invenzione umana intorno al 17° secolo per usare il senso di colpa contro molti di voi per contribuire a controllarvi in qualche modo.

Mettere da parte il Pregiudizio

Questo illustra anche la separazione che non è più qui. La realtà è che non c'è separazione, perché tutti voi ve ne andrete insieme o nessuno di voi se ne andrà.Questa è una vostra scelta ed è ora davanti a tutti voi. Bene, carissimi, come fate questo? Spegnete semplicemente il televisore in modo da non vedere le notizie enon doverle affrontare? Beh, la negazione è parte di questo. Tuttavia, la realtà è che tutti voi avete bisogno di sapere cosa sta succedendo, sul pianeta. La difficoltà è se credete a tutto ciò che vedete in televisione. Che cosa ci vorrebbe per guardaremolti canali diversi ed avere molte diverse opportunità di vedere ciò che provano le persone? Potete scacciare la loro corruzione? Potete scacciare l'odiogenerazionale che è stato tramandato più e più volte quando un padre urla a suo figlio: "Guarda che cosa ci hanno fatto! Guarda che cosa hanno fatto!" Il figliostabilisce i suoi obiettivi e quando cresce si vendicherà. Questo si verifica più e più e più volte. Molti dei maestri hanno detto: "Ama i tuoi nemici." Questo è il momento di farlo ed ora si tratta della realtà di ognuno di voi. Poiché non c'ègiusto o sbagliato, né bianco o nero, né alto o basso, e non c'è amore o paura. Fatutto parte della stessa energia.

Potete vedere voi stessi negli occhi degli altri?

Molto chiaramente, carissimi, siete entrati nella Terza Ondata di Potere. La prima ondata era semplicemente, imparare a trovarvi, ad essere lì e seguire il leader. La vostra Seconda Ondata di Potere era imparare a seguire voi stessi. Avete tuttiimparato a trovare le vostre strade, lottando tuttavia molte volte a causa delle differenze sul pianeta Terra. La Terza Ondata di Potere è molto più difficile delle prime due, perché si tratta dell'armonia. Come si fa a trovare l'armonia? Vederevoi stessi negli occhi degli altri è la chiave. Ora, che cosa significa questo perognuno di voi? Potreste dire: "Sono soltanto una persona. Non sono di quelli che fanno questi progetti cercando di creare la pace sul pianeta." Ma lo siete. La realtà è che ognuno di voi aumenta la vibrazione collettiva dell'umanità in un modo che non è mai stato visto prima sul pianeta Terra. In effetti è questa vibrazione collettiva che determina il risultato e la direzione della nuova umanità sul nuovopianeta Terra nell'Era dell’Empowerment. Ognuno di voi ha la responsabilità diaprire il proprio cuore e cercare di vedere quanti più lati possibili di un problema.Sì, vedrete sofferenza ed azioni ingiuste. Vi arrabbierete per queste, che continueranno fino a quando l'umanità non vi porrà fine. Vi diciamo, carissimi, che questo avviene ripetutamente per creare effettivamente quel sentimento nella gente. Spesso la rabbia verso un gruppo o una razza o un luogo geograficocontinuerà di generazione in generazione.

La Convocazione della Famiglia dell’E

Carissimi, ci siete soltanto voi. Riuscite a creare il cuore di uno o vedere voi stessinegli occhi di tutti, anche di coloro che vorrebbero prendere un'arma ed usarlacontro di voi? Riuscite a vivere la loro paura come un vostro problema, tenendolonel vostro cuore ed esprimendolo apertamente con dei vostri amici? Queste sono lecose che cambieranno il pianeta Terra e vi trovate in una massa critica in questo momento. Non vi potete spostare ulteriormente fino a quando queste cose nonvengono risolte, ma che cosa significa questo? Tutti voi vi fermerete per passare al livello successivo insieme? No, carissimi. Si tratta di un tipico modello d'onda di cui abbiamo parlato diverse volte prima. Spesso si tratta di fare tre passi avanti, madue passi indietro. A volte vi scoraggiate molto per i tre passi avanti e i tre passi indietro. Tuttavia, tutti voi avete la responsabilità di procedere in questa direzione.Avete scelto di essere sulla Terra in questo momento, proprio per questo motivo; èil motivo per cui siete venuti. Ora è il momento di svegliarvi dal sogno, prenderela potenza del vostro cuore, ed imparare ad amare tutti come voi stessi. Questa è la bellezza di un maestro che cammina sul pianeta Terra e la Famiglia dell’E è tutt’intorno, perché molti di voi sono stati qui in tempi molto critici prima. Elrahvi conosce bene, così come il Guardiano del Tempo, eM e tutti quelli che chiamate il gruppo. La realtà è che noi facciamo il tifo per voi, carissimi, perché vi siete fatti avanti in questi momenti critici di resistenza sul vostro pianeta per fare la differenza. Avete fatto sentire la vostra voce, portando una vibrazione che non ha senso, ma detiene la chiave dell’amore sul pianeta Terra. Questi sono i tempi delle nuove energie del nuovo pianeta Terra; ognuno di voi ne possiede una parte. Avete portato un raggio separato di luce, così abbiate il coraggio di lasciar andare le vostre paure ed il vostro attaccamento all’oscurità. Abbiate il coraggio di lasciar andare le vostre idee di separazione e di credere che soltanto i buoni si evolveranno. Tutti voi andate insieme, così state lavorando con la più bassa vibrazione di ognuno per fare una grandissima differenza sul vostro pianeta.

Non c’è niente di giusto o sbagliato. Ci siete soltanto voi

Come si fa a dissolvere l'odio generazionale ed agire come uno? La prima cosa da fare è capirlo. Non si tratta semplicemente di dire alcune parole o chiedere scusaper averle pronunciate. Si tratta invece di conoscervi l'un l'altro. Non il vostro lato migliore o ciò che volete mostrare loro, ma chi siete in questo insieme. L’Era dell’Empowerment è proprio di fronte a tutti voi, ma porterà ognuno di voi a raggiungere questa massa critica. Questi sono i tempi del nuovo pianeta Terra.Questi sono i tempi del nuovo risveglio umano dal sogno. Carissimi, non c’è niente di giusto, non c'è niente di sbagliato. Ci siete soltanto voi. E’ con il più grande onore che vi aiutiamo a ricordare voi stessi in questi tempi di massa criticasul vostro pianeta. Vi state risvegliando dal bel sogno di partecipare ad un gioco.Fatelo con l'amore nel cuore e tendete la mano a tutti gli altri partecipanti al gioco.E’ con il più grande onore che vi chiediamo di trattarvi con rispetto reciproco, non importa chi siete. Nutritevi a vicenda ad ogni occasione. Questo è il più grandeprogresso dell'umanità, entrate in questo bellissimo nuovo gioco che tutti voi state facendo e giocate bene insieme.

Espavo

Io sono il Custode del Tempo

Il Gruppo

http://www.stazioneceleste.it/lightworker/lightworker_2014_08.htm
http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

Segnali di Luce
Messaggi dal "Gruppo" per la nuova era
Voto medio su 3 recensioni: Sufficiente
€ 19.5

LARVA: UN’ENTITA' PROVENIENTE DAI PIANI SOTTILI



E’ un parassita  energo-informazionale che vive nei corpi sottili umani e si nutre dell'energia psichica. Spesso è la causa delle dipendenze e delle cattive abitudini.

I sintomi (ci devono essere almeno alcuni, tra quelli elencati):
-       L’esistenza delle dipendenze, specialmente se non potete farne a meno, anche se non vi procura più piacere
-       Problemi di carattere psico-emozionale (depressione, fobie, irascibilità..)
-       Incubi notturni
-       Vi alzate già stanchi e dovete ricorrere a qualche “doping” per poter fare qualcosa  (anche solo caffè)
-       Avete periodicamente i dolori nella nuca e nella schiena
-       Avete il freddo nelle dita delle mani e dei piedi
-       La vista si offusca
-       Una sensazione di “succhiamento” nella zona dello stomaco
-       Una sensazione  del freddo o della pesantezza nei reni.

E’ anche possibile localizzare una larva con aiuto del biosensore o di qualche altro strumento radiestesico.



Come liberarsene? 

Esiste una PSICOTECNICA, altrettanto sicura e innocua come il lavaggio delle mani sporche.

Si  può eseguirla per se stessi e per gli altri. Ma una condizione necessaria c’è: la persona deve chiedervelo. Senza  richiesta potete aiutare solo i stretti famigliari (marito, moglie, genitori, ecc; NB: non i fidanzati, i boyfriend ecc )))
-       Sedetevi comodi, rilassatevi  e immaginate di essere coperti da un grosso pezzo di stoffa che si stende attorno a voi sul pavimento (se lavorate per un’altra persona immaginatela così).
-       Sentite  la stoffa sia impegnata di alcol o di  benzina. Sentitela impegnata, umida, e l’odore caratteristico.
-       Date fuoco alla stoffa, comincia a bruciare di fiamma blu ma dall’esterno, senza procurarvi alcun fastidio.
-       I lembi della stoffa si alzano lentamente, e alla fine è  raccolta attorno alla vs. testa.
-       Continuate ad alzare  i lembi, uniteli, così avrete un contenitore che brucia all’interno
-       Restringetelo fino alle dimensioni di una noce, alzando la luminosità e la temperatura
-       Immaginate un buco che si apre nel pavimento e porta al centro della Terra, dove c’è una colossale pressione e  un’altissima temperatura. Mandate lì “la noce” e chiudete il buco.



I sintomi della liberazione dal larva:

-       Un’ondata di calore o di freddo sul corpo
-       Il calore nella schiena o nella nuca
-       Le dita dei piedi si scaldano
-       Il calore nella zone del plesso solare
-       La vista si annebbia
-       La sensazione di essersi tolto un peso dalla schiena
-       Il mal di testa cesserà
-       La liberazione dai problemi psico-emozionali
-       La fine degli incubi notturni.

Fonte
http://radionicaesoterico-scientificarussa.blogspot.it/2014/11/larva-unentita-proveniente-dai-piani.html
http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

sabato 22 novembre 2014

Non potete affrontare il passato



Non potete affrontare il passato, né il futuro.
Sarebbe un'impresa titanica, per il semplice fatto che entrambi non esistono.

Le immagini mentali relative al passato – ciò che credete di aver vissuto da bambini piuttosto che gli eventi di due giorni fa – sono costituite di segnali elettrici registrati nel cervello. Queste tracce cerebrali esistono in questo istante, non nel passato. Quando avete vissuto quegli eventi non era “il passato” bensì l'istante presente di quel momento. C'è sempre solo il presente, in qualunque momento, e nessuno può vivere nel passato o nel futuro.

Di norma trattiamo il passato e il futuro alla stregua di luoghi fisici, quasi fossero un posto che abbiamo abbandonato (il passato) e un posto che vogliamo raggiungere (il futuro), ma niente di tutto questo è vero. Passato e futuro non possono esistere indipendentemente da ciò che sta vivendo la nostra coscienza adesso, non possono esistere al di fuori del momento presente, il Qui-e-Ora, che a ben guardare è l'unico momento che siamo in grado di vivere davvero, in quanto passato e futuro non posseggono un'esistenza fisica propria.


Il fatto che nella realtà non possiamo usare il futuro per affrontare il passato, toglie ogni giustificazione al lavoro psicanalitico. Il mio trauma non può essere guarito utilizzando il tempo futuro per indagare nel mio passato, per il semplice motivo che il mio passato non c'è... e quando c'era era il presente, non il passato. Tutto ciò che in realtà faccio nel tentativo di analizzare il mio passato consiste nel produrre immagini nel cervello che si trovano sempre Qui-e-Ora; ma resto fondamentalmente impotente di fronte al mio passato.


Tuttavia a causa di qualche trauma o condizionamento verificatosi nell'infanzia piuttosto che in una vita precedente, oggi mi ritrovo a stare male in corrispondenza di determinati eventi. Il punto è che posso guarire solo nel momento presente. Non è un trauma relativo al passato che va guarito, bensì il concetto stesso di passato, il concetto stesso di tempo; questo è il segreto del risveglio. Il passato viene dissolto dalla profondità con cui ci immergiamo nel Qui-e-Ora. Il passato non può sopravvivere quando viene immerso in una presenza profonda che porta a un differente stato di coscienza. Lo stesso vale per le ansie legate al futuro. Questo non c'entra nulla coi particolari traumi che possiamo aver vissuto da bambini. La guarigione è sempre a portata di mano proprio Ora e proprio Qui.


La speranza fa sì che ci concentriamo sulla fine della sofferenza nel futuro, ma questo ottiene come effetto l'ennesima negazione del Qui-e-Ora, l'unico momento nel quale la sofferenza potrebbe davvero terminare, perché non possiamo essere totalmente presenti a noi stessi e al contempo soffrire.


La profondità della nostra presenza in questo istante stabilisce se il nostro futuro sarà una ripetizione del passato oppure qualcosa di completamente nuovo. Il nostro passato ci tormenta unicamente a causa della mancanza di focalizzazione nel Qui-e-Ora. L'unico luogo dove il passato può essere guarito è questo e l'unico luogo dove il futuro può essere cambiato è questo.
Buon Lavoro a tutti.



Salvatore Brizzi
NON DUCOR DUCO
(non vengo condotto, conduco)


Il tema di questo post è ampiamente trattato nella seconda parte del mio ultimo libroGuerrieri Metropolitani in uscita a Dicembre 2014.
A questi link è già possibile prenotarlo:




http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa


Guerrieri Metropolitani - Libro
Combattere fuori per vincere dentro - La filosofia degli sport da combattimento
€ 10

giovedì 20 novembre 2014

Non si può fermare il pensiero – Osho

La mente è simile alla polvere che un viaggiatore raccoglie sui propri abiti. E tu hai viaggiato e viaggiato per milioni di vite, senza mai farti un bagno.

Sei nato in una certa famiglia, ma questo non sei tu: ti è accaduto, è un evento estraneo a te. Certo, qualcuno ti ha dato un nome, ha una sua utilità, ma quel nome non sei tu. Certo, hai una forma, ma quella forma non sei tu. La forma è solo la dimora in cui ti accade di esistere. La forma non è altro che il corpo in cui ti è accaduto di trovarti.
Continua a tagliare via tutte le identità che non sei: la famiglia, il corpo, la mente. In quel vuoto, quando tutto ciò che non eri tu è stato eliminato, all’improvviso ecco che affiora il tuo essere. Per la prima volta sei di fronte a te stesso, e quell’incontro diventa il controllo, la padronanza.
Non si può fermare il pensiero… non che sia impossibile un arresto, ma non lo si può fermare. Si arresta spontaneamente. Questa distinzione va compresa, altrimenti si può impazzire, inseguendo la propria mente.
La mente è uno dei meccanismi più belli. La scienza non è ancora riuscita a creare nulla di altrettanto perfetto; la mente resta ancora un capolavoro, in tutta la sua complessità e con tutto il suo potere sconvolgente, ricca di potenzialità infinite. Osservala! Godine!
Quando passa un pensiero, lo osservi; quando passa un intervallo, lo osservi. Sia le nuvole sia lo splendore del Sole sono stupendi… adesso non scegli più, non hai una mente fissata.
L’uomo moderno ha molta fretta. Vuole metodi istantanei per arrestare la mente. Ecco perché le droghe attraggono tanto: usando sostanze chimiche, droghe, puoi forzare la mente ad arrestarsi, ma saresti ancora una volta violento: questa metodologia non va bene, è distruttiva. In questo modo non diventerai mai padrone della tua mente.
I corpi sono separati, le menti si sovrappongono e le anime sono un’unica entità: nessuno di noi ha un’anima distinta e diversa da tutti gli altri. Nel nostro centro più intimo noi ci incontriamo e siamo un’unità. Ecco che cos’è Dio: il punto d’incontro del Tutto.
Anche se nella tua mente scorrono pensieri immorali, pensieri ritenuti immorali, lasciali scorrere; non c’è nulla di male. Tu resta distaccato e non ti faranno alcun male. Si tratta di finzioni, stai semplicemente vedendo un film interiore.


– Da: Osho Consapevolezza La chiave per vivere in armonia

http://www.meditare.net/wp/meditazione/non-si-puo-fermare-il-pensiero-osho/

http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

I cerchi magici




IL TRIPLICE CERCHIO

Il cerchio è uno degli strumenti più importanti nella pratica magica. Stando alla tradizione, una volta
tracciato, il Cerchio Magico consente a chi è al suo interno di «viaggiare attraverso i mondi». Per un mago celebrante, il cerchio costituisce la soglia per accedere a dimensioni diverse, tanto che nel corso di una celebrazione cose strane e meravigliose possono accadere attorno e dentro. Senza dimenticare che medium e sensitivi testimoniano di avvertire un'atmosfera speciale al cospetto di un Cerchio Magico e segnalano la presenza continua d’energia.

Chi sta all'interno di un cerchio magico si trova in una condizione che possia mo definire come di «punto zero» per quanto concerne il tempo, lo spazio e gli eventi — da qui appunto la tradizione del Triplice Cerchio. Il cerchio non è utilizzato solo per l'operazione magica in se stessa, ma anche come protezione della mente, per far sì che tutto ciò che accade a livello occulto e paranormale possa essere tenuto saldamente sotto controllo da chi agisce. Così quando si ricorre al Triplice Cerchio, le potenti immagini dell'inconscio e le manifestazioni psichiche investono soltanto la realtà che sta dentro e attorno al cerchio stesso, permettendo all'operatore di non essere coinvolto s ul piano della realtà delle cose d’ogni giorno.

E buona abitudine che quando un mago si dedica al proprio allenamento mentale e psichico quotidiano tracci, anche solo mentalmente, un Triplice Cerchio protettivo. E una precauzione importante, perché non solo si erge come difesa della mente, ma pone da parte tutto il resto del mondo, la disturbante realtà esterna.

L'uso del cerchio è utilissimo anche nell'evocazione degli spiriti elementali, naturali o creati dal mago, anche nel caso in cui l'operazione di richiamo è effettuata come semplice esercizio d’immaginazione.

IL TRIANGOLO MAGICO

Il Triangolo Magico è usato solo raramente dai maghi, essendo più che altro uno strumento cerimoniale; è utile, comunque, nelle operazioni di visualizzazione e materializzazione. E il caso, per esempio, della palla di cristallo e dello specchio magico che ricevono una forte esaltazione delle loro proprietà una volta collocati all'interno di un Triangolo Magico.

Si può usare il Triangolo Magico quando l'operatore intenda evocare la manifestazione di un elementale o di un’entità da lui stesso creata mantenendola all'interno di dati confini e non necessariamente dentro al Cerchio Magico in cui egli stesso si trova. Il lato del Triangolo deve essere di circa un metro e mezzo, anche se la dimensione può variare secondo lo spazio disponibile e delle esigenze imposte dall'operazione. Un vertice deve inoltre puntare verso il cerchio in cui si trova il mago. I due potenti simboli vanno posti a qualche metro di distanza fra loro.

Anche nel caso del Triangolo lo possiamo disegnare, dipingere, tracciare o semplicemente immaginare con la mente. Il processo di materializzazione sarà ulteriormente agevolato se ad ogni vertice del Triangolo si disporrà una candela accesa e se al centro sarà collocato uno specchio magico rivolto verso il cerchio in cui è ospitato l'operatore.

Ribadisco comunque che il Triangolo Magico è uno strumento raramente utilizzato.

I CERCHI MAGICI GRANDI E PICCOLI

Il Grande Cerchio è quello che accoglie maghi, streghe e tutti i membri, quando la congrega festeggia le ricorrenze magiche o celebra qualche rito in comunità. Dei numerosi riti ho parlato in altri miei lavori e di norma il loro officio si mantiene stabile nel tempo, non varia. La tradizione impone che il Grande Cerchio Magico abbia un diametro di almeno tre metri, anche se per alcuni rituali particolarmente importanti si arriva fino a quattro metri e mezzo.
Quando si è solo in due, un uomo e una donna, o al massimo in tre, a condizione che non sia presente la sacerdotessa, si può ricorrere ad un Cerchio Magico Piccolo. Al suo interno le operazioni che si possono compiere sono molteplici e dipendono, naturalmente, dagli obiettivi che si intendono raggiungere. Torna utile, per esempio, nel caso in cui si voglia «viaggiare fra i mondi», per meditare, contattare spiriti o esseri elementali, oppure quando si vuole dare forza ad un incantesimo, ad una frase di potenza e così via. Alcune delle numerose operazioni che descrivo nelle mie opere richiedono in modo specifico il tracciamento di un Cerchio Magico Piccolo.

OPERAZIONI MAGICHE E CERIMONIALI ALL'APERTO
Come abbiamo detto ripetutamente, la magia è, per sua intrinseca natura, la religione dell'aria aperta, delle foreste e dei monti, del cielo stellato, dei grandi falò, del fuoco. Compiere atti magici in luoghi aperti è dunque la condizione ideale; sappiamo benissimo, però, quanto sia difficile oggi poterlo fare. Il più delle volte ci si deve accontentare di operare al chiuso, dentro ad una stanza protetta o in qualche luogo il meno disturbato possibile.
Ciò malgrado, è bene che ciascuna congrega, appena possibile, riesca a condurre qualche rito all'aperto, meglio se in un luogo selvaggio e remoto. Se la cosa accadrà almeno una volta l’anno, ci si accorgerà immediatamente del grande beneficio conseguito dal gruppo.
Tornano comodi, in certe occasioni, i Cerchi Magici di piccole dimensioni, meno impegnativi anche dal punto di vista formale. Li possiamo tracciare in uno spiazzo fra qualche albero, lungo una spiaggia o in qualsiasi altro posto, purché sia garantita la riservatezza.
NOTA BENE: mi piace ricordare che 1' allenamento magico proposto in questo libro e nelle mie altre
opere si risolve sovente in una proposta individuale. Ciò significa che ci si può tenere in esercizio anche da soli, semplicemente passeggiando in un campo o attraversando un bosco. E davvero importante che l'addestramento avvenga all'aperto, perché la forza dell'apprendimento risulterà amplificata e i risultati saranno conseguiti con maggiore celerità.

I cerchi di pietre
I Cerchi Magici realizzati con pietre trattengono una prodigiosa energia, conducono la forza psichica con facilità e risultano perfetti per le operazioni occulte. Una qualunque attività svolta al loro interno ne risulta potenziata e riuscire a maturare qualche esperienza in un cerchio di pietre è una sensazione meravigliosa!
Chi ha la fortuna di possedere una propria casa con giardino o terreno circostante non si lasci sfuggire
l'opportunità di realizzare un Cerchio Magico di pietre; lo raccomando con tutto il cuore.

Ed Fitch il libro segreto delle arti magiche
http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

domenica 16 novembre 2014

EMOZIONI E PENSIERI



Non basta lasciare andare le tue emozioni se poi in tuo modo di pensare rimane lo stesso
perchè ricreerai le stesse emozioni negative di nuovo e di nuovo

E non basta cambiare il tuo modo di pensare se dentro di te rimane un fardello di emozioni negative pronte ad esplodere da un momento all'altro




Emozioni e Pensieri sono legati a doppio filo e si influenzano a vicenda

Quindi il lavoro su di se' va' fatto in entrambi  le zone, ristrutturare il modo di pensare e lasciare andare tutte le emozioni bloccate dentro di noi

Se cambiamo il  modo di pensare e di sentire anche il corpo si adegua alla nuova situazione
e ne beneficia in salute


Antar Raja



http://divinetools-raja.blogspot.it/
La Via del Ritorno... a Casa

PNL FACILE FACILISSIMA





















Ad esempio, se vi chiedessi dove avete parcheggiato
l’auto o come si arriva alla stazione centrale, dovreste
entrare nella vostra mente e creare o ricordare un’immagine
mentale della strada da percorrere. Se vi chiedessi
cosa avete fatto ieri, lo sapreste, perché dentro di
voi ne conservate un ricordo sotto forma di immagine
mentale. Ora, queste immagini sono inconsce. Tutti noi
le creiamo, ma spesso ne siamo inconsapevoli. Il segreto
sta nel prenderne consapevolezza, così da poterne
fare qualcosa di diverso.
I nostri pensieri, perciò, consistono in immagini, suoni e
sensazioni. Una volta che siamo consapevoli di come
costruiamo i nostri pensieri, siamo in grado di modificarli.
Questo accade perché sensazioni e comportamenti
sono determinati in larga misura da come pensiamo e,
dopo aver scoperto come pensare in modi diversi, possiamo
ottenere risultati diversi, più effi caci.
Immaginate, ad esempio, qualcuno che vi infastidisce o
vi suscita malessere. Fatevene un’immagine nella vostra

mente. Notate le caratteristiche dell’immagine: le
dimensioni, il luogo in cui è collocata, se è a colori o in
bianco e nero.
Ora, quando avrete l’immagine della persona, fate queste
cose: prendete l’immagine e, se è a colori, trasformatela
in bianco e nero; poi rimpicciolitela; infi ne, spostatela
sempre più lontano, verso l’orizzonte. Notate
come vi sentite a questo punto.

Se non lo fate, non ottenete risultati!

La cosa straordinaria è che le caratteristiche delle immagini
che avete in testa possono essere facilmente
modifi cate, e questa operazione ha un effetto profondo
sulle esperienze collegate a queste immagini. Potete
anche prendere una cosa che vi fa star bene o vi rende
felici, renderla più grande, brillante, colorata e vicina,
e la sensazione positiva molto probabilmente si intensifi
cherà.

Ogni volta che pensate a qualcosa, ne create delle immagini
o dei filmati. Il vostro cervello funziona così!
Se ricordate un’esperienza, probabilmente immaginerete
un filmato di ciò che avete vissuto, nel quale vedrete
voi stessi come attori o dal vostro punto di vista di allora
Queste immagini o filmati determinano il tipo di
sensazioni che provate. È così che le persone stanno
bene o male. Dipende perlopiù dal tipo di cose a cui
pensano e dal tipo di rappresentazione che se ne fanno
mentalmente. Tutto qui.

Il segreto sta nel prendere le immagini mentali che vi
fanno stare male, rimpicciolirle, trasformarle in bianco
e nero e allontanarle da voi, liberandovene, e poi prendere
le cose che vi fanno star bene e renderle grandi,
luminose e vivide. Quando lo fate, in pratica state insegnando
al vostro cervello ad amplificare le sensazioni
positive e a indebolire quelle negative.


PNL io scelgo la liberta'
http://divinetools-raja.blogspot.it/ La Via del Ritorno... a Casa

sabato 15 novembre 2014

La ribellione è individuale


"Io non predico la rivoluzione.
Sono profondamente contrario alle rivoluzioni.
Vi dico che la mia parola per il futuro,
e per quelli che sono sufficientemente intelligenti ora nel presente per capirlo, è ribellione.
Ma allora qual è la differenza?
La ribellione è essenzialmente un’azione individuale.
Non ha assolutamente niente a che fare con la folla.
La rivoluzione non ha nulla a che vedere con la politica,il potere, la violenza.
La ribellione di cui parlo riguarda un cambiamento di coscienza, è il silenzio, è l’essere.
E’ una metamorfosi spirituale.
Ed ogni individuo che stia attraversando una ribellione non sta combattendo contro nessun altro,
se non con la sua stessa oscurità interiore.
Non servono spade,non servono bombe.
Ciò che realmente serve è maggiore attenzione, maggiore meditazione, più amore,
più devozione,più gratitudine.
Circondato da tutte queste qualità sperimenterai la rinascita."


Osho..
http://divinetools-raja.blogspot.it/