sabato 31 agosto 2019

IL SONNO COME PUNTO DI PARTENZA

Quando ho cominciato seriamente con il lavoro su di me, il presupposto che mi è stato richiesto dalla mia maestra era la consapevolezza di non avere occhi per vedere, di essere addormentato, di non capire niente della vita, di non essere nemmeno in grado di pensare correttamente. Dovevo in pratica considerarmi come un bambino appena nato che non ha idea di dove si trovi, non sa valutare nulla del mondo che lo circonda... e si fa la cacca addosso perché non sa gestire i suoi corpi. Un neonato fa la cacca fisica, io mi facevo addosso la cacca emotiva e mentale.


Quando osservo le persone che vengono ai corsi, che leggono i miei libri o che scrivono sui social resto stupito del fatto che tutti, ma proprio tutti, vogliano fare un lavoro su di sé partendo dal presupposto di essere capaci di pensare correttamente e di valutare in maniera lucida il mondo che li circonda e le persone che incontrano. A parole ammettono di essere addormentati, ma nella pratica agiscono come se fossero perfettamente svegli.
Non importa da quanto tempo fai meditazione o esercizi sui chakra, fino a quando dormi i tuoi pensieri sono cacca e solo il silenzio ti può restituire dignità.

Sia ben chiaro che chi non si rende conto di essere cieco, sordo e ottenebrato da uno stato semi-ipnotico non è adatto a fare questo lavoro. Se ritenete di avere occhi per vedere ed essere capaci di valutare cosa è giusto e cosa è sbagliato nel mondo siete pregati di non venire ai corsi, smettere di leggere i miei libri e cancellarvi dalle mie pagine social (compresa questa).

Io all’epoca fui costretto a gettare nella spazzatura le mie idee riguardo la religione cristiana, la politica, i cambiamenti del pianeta, l’alimentazione e persino lo sport (lo sapevate che correre fa male? No. Perché voi sapete già tutto, voi avete letto quattro libri quindi sapete come va il mondo!). Io ho una formazione molto mentale, per cui avevo le mie idee “chiare” su tutto, esprimevo pareri su tutto... e ovviamente avevo sempre ragione. Fui costretto a fare un lungo bagno di umiltà... e poi una sauna di umiltà... e poi un bagno turco... un’intera SPA di umiltà!

Non è obbligatorio iscriversi a un corso o seguire una persona su un social - e io, pur dicendo cose vere, sono spesso provocatorio, proprio perché non voglio zavorra intorno a me - ma se nonostante tutto decidete di seguirmi... dovete essere completamente nudi. Le regole le detto io. Questa è una dittatura, benevola, ma pur sempre una dittatura; non ci riuniamo tutti insieme per votare cosa è meglio per il risveglio!
Io non ho tempo da perdere... anzi... io non ho tempo.
Il vostro Scarasaggio

S BRIZZI



2 commenti:

  1. Your means of describing everything in this post is really
    good, all be capable of effortlessly know it, Thanks a lot.

    RispondiElimina
  2. It's a shame you don't have a donate button! I'd most certainly donate to this
    brilliant blog! I guess for now i'll settle for book-marking and adding your RSS feed to my
    Google account. I look forward to fresh updates and will talk about this site
    with my Facebook group. Chat soon!

    RispondiElimina